Verde

La coscienza organica non ha dimestichezza con la visione sottile che consente di incontrare gli Assoluti. Laddove la coscienza spirituale vede in ogni manifestazione la reificazione dell’Assoluto che le è congeniale, la coscienza ordinaria vede la “cosa materiale”[1] rivestita di caratteristiche specifiche. Così, se si dice “il Verde”, la mente minore estrae il concetto di cosa verde (una pianta, per esempio, costitutivamente verde; o un abito, accidentalmente verde). La visione sovra-cosciente, viceversa, vede il Verde calato nel particolare e agente come essenza della foglia e come attributo dell’abito.

È noto come, nella Tradizione, al-Khidr (letteralmente “il Verde”) sia il raggio verde della nera luce divina che costituisce l’Increato: egli, il Maestro dei maestri, non è un personaggio detto “il Verde” come erroneamente lo percepiscono quanti ne traducono il nome con “il Verdeggiante” quasi fosse un appellativo, ma un Essere, “il Verde” nel valore assoluto, essenziale, ontologico della Viriditas.[2] Al-Khidr è il Signore della Fonte dell’Acqua di Vita, che la dà o la restituisce, come accade al pesce disseccato che a Mosè sfugge ritrovando vitalità nella Sura XVIII del Corano. È la Manifestazione im-mediata dello Spirito Divino nel Creato.
All’interno della stessa Conoscenza altrettanto noto è come il blu[3] sia il colore del manto della Madonna (la “carne”, sostanza della biomassa), del mare e di quell’aura della Terra che è il cielo, dunque il colore della matrice all’interno della quale si sviluppa il seme verde, che rende la Natura gravida della vita: luce che si reifica in materia organica[4].

Chi abbia chiara questa visione sa che prima o poi l’uomo trova i meccanismi della dinamica degli Assoluti nella loro Verità, anche se non li vede che nei loro effetti ultimi; gli appare dunque come niente più che una conferma di una Conoscenza ancestrale il fatto che recentemente sia stato scoperto che non l’uomo, ma la vita organica stessa, che ha generato anche l’uomo, sembra essere stata prodotta dalla luce verde con l’aiuto della luce blu:
Un team di astrobiologi ha utilizzato l’apprendimento automatico e l’analisi filogenetica comparativa per ricostruire la storia evolutiva di antiche proteine fotoattive essenziali per la sopravvivenza delle forme di vita primordiali. Lo studio aiuta a comprendere la paleoecologia e l’abitabilità della Terra primitiva e a riconoscere biofirme su altri pianeti con atmosfere simili… Per sopravvivere, [gli] organismi primordiali, tra cui batteri e archeobatteri, hanno sviluppato particolari biomolecole fotosensibili, in grado di trasformare la luce solare nell’energia necessaria per alimentare i processi cellulari: le batteriorodopsine… Poiché la luce blu e verde penetrano meglio l’acqua, è probabile che le prime rodopsine[5] dei primi esseri viventi assorbissero principalmente questi colori. «Questa potrebbe essere la migliore combinazione per essere schermati e ancora in grado di assorbire la luce per produrre energia»… Una teoria, questa, supportata dai risultati dello studio, secondo cui le rodopsine microbiche ancestrali probabilmente agivano come pompe protoniche sensibili alla luce verde, cosa che avrebbe consentito alle antiche forme di vita di occupare le profondità in una colonna d’acqua o in un biofilm in cui le lunghezze d’onda ultraviolette erano attenuate”.[6]

NOTE
[1]Altrove si è detto come il Reale sia non-materiale.
[2] – “L’anima è il principio vitale (Viriditas) della carne, perché il corpo umano ad opera sua cresce e progredisce.” (Hildegard von Bingen).
[3] – Sulla luce blu e la sua stretta connessione con la vita intrauterina (acquatica) dell’uomo ancora oggi, rimandiamo a Somatopsicoenergetica.
[4] – È in questo che consiste la funzione clorofilliana.
[5] – La rodopsina umana ha un massimo di assorbimento a 500 nm, corrispondente alla luce verde. (Treccani)
[6] – L’articolo nella sua interezza è reperibile a questo link.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...