La visione nel Nulla del Reale

Il figlio di Dio, in questa fase, non avanza: si solleva.
Il concetto comune di evoluzione, anche in ambito spirituale, è che essa avvenga lentamente nel tempo lineare; ma la scienza spirituale insegna che il tempo che le compete è quello ciclico ove i termini “lentamente” e “velocemente” sono privi di valore.
Il tempo circolare ha un centro assiale che verticalizza, istantaneamente, ogni esperienza, trasformando l’immagine del cerchio che descrive questo tipo di durata in quella della spirale, che ben esprime alla visione il concetto di permanenza dinamica.
In questo movimento, che è alternativamente centripeto e centrifugo rispetto all’asse, vi è la pulsazione vitale, l’espansione/contrazione che stabilisce quel ritmo organico che l’uomo percepisce come tempo lineare, ma che esiste solo nella sua costruzione mentale del mondo.
L’asse di questo movimento è una colonna fatta di vuoto, simile all’occhio di un ciclone; e là ha luogo, quando essa vuole, la visione.
Quel vuoto è infatti privo di materia, essendo questa tutto ciò che gli ruota attorno in modo circolare e ritmico; è insieme motore e prodotto di questa rotazione pulsante. È la Realtà nella sua complessità operante ed unitaria, composta di cose, fatti, atti, interazioni, moti e interspazi… La Realtà non-materiale che produce, manifestandosi cioè emanandosi, qui e là in “cose” raggrumate: viventi e no.
Nel vuoto non può esservi materia; ciò che nel vuoto può avere un’esperienza di esso deve essere quindi non-materiale o dematerializzato: la Coscienza priva della base organica dalla quale emerge nell’uomo; quindi una Pura Coscienza di Sé.
La visione che essa può avere è allora solo quella di ciò che in quel momento riempie quel vuoto, ossia Sé stessa.
Ogni visione spirituale è uno stato di coscienza libera che prende atto di sé stessa in quanto Essere.
Si evince che nessuna visione che abbia per oggetto una “cosa” (vivente o no) può dirsi “reale” in senso spirituale, perché denuncia il fatto di essere legata al mondo materiale, all’Universo delle cose, e quindi da esso prodotta: è una coscienza umana, non ancora inumana. Oppure è una esperienza di visione inumana deteriorata dal linguaggio materiale che tenta di trasmetterla al figlio dell’uomo descrivendo immagini di “cose”.
C’è comunque sostanziale differenza tra l’esperienza del figlio di Dio che scopre sé stesso nell’uomo, e l’esperienza dell’Ente/Coscienza che prova sé stesso nel vuoto del Reale divino, e scopre la Vita e la Verità come Sostanza del proprio Essere: differenza di grado di coscienza spirituale ma continuità di sviluppo sull’asse della verticalità… Se la prima parla ancora alla propria umanità, la seconda è ammutolita dall’ineffabilità della propria essenza.

2 pensieri riguardo “La visione nel Nulla del Reale

  1. 1) Per la stella quando declina!

    (2) Il vostro compagno non si è sviato, e non si è insuperbito

    (3) e non parlava per capriccio.

    (4) Non è che ispirazione ricevuta,

    (5) che gli insegnò il Potente e Forte ﴾Angelo Jibrīl﴿

    (6) e di grande splendore ﴾si È mostrato nelle sembianze di Angelo﴿, colui che si alza nel cielo

    (7) al sommo orizzonte;

    (8) poi si avvicinò, e restò sospeso

    (9) fino alla distanza di due lunghezze d’arco o poco meno.

    (10) E ispirò al Suo servo ciò che gli era stato ispirato.

    (11) Il suo cuore non negò ciò che vide:

    (12) osate voi mettere in dubbio ciò che vede?

    (13) E lo vide di nuovo ﴾in quella stessa forma﴿

    (14) presso il giuggiolo del limite estremo,

    (15) là dove sta il Paradiso della Dimora,

    (16) quando il giuggiolo era circondato da ciò che lo copriva.

    (17) Il suo sguardo non si spostò da esso, e non oltrepassò quel limite. Sura alNajm

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...