Che luce?

“Che luce c’è nei figli degli uomini?” è stato chiesto.

L’esistente è un aggregato di elementi semplici che tendono a conservare il legame che li tiene insieme. E questo legame è amore.
Ogni aggregato acquista una identità, che consiste nella percezione dei propri confini.
Questa percezione è una forma primaria, basilare, di coscienza.
Poiché un composto [l’aggregato] diventa una cosa sola, [in esso non sussistono più] proprietà [dei componenti] e distinzioni. Esso diventa simile a una sostanza semplice… Quando le porzioni degli elementi trovano compenso“, ossia una coerenza, un equilibrio che le aggreghi, inizia un irraggiamento dal proprio interno che è simile “a quello del sole verso la terra(1).
Questi aggregati hanno tra loro relazioni dello stesso tipo, e così via… fino a riempire la Totalità dell’esistente.
L’Essere è “eccedente” rispetto a questa Totalità, che è apparente… è totalità sì, ma del Creato, o del Manifestato; l’Essere risiede nell’Increato da dove, come il Sole, irraggia il Creato (lo crea perennemente come Sua emanazione); quindi, sebbene l’Essere formi il manifestato come il Sole forma i colori della sua luce, e quindi ne sia parte integrante (in quanto della Sua medesima sostanza), pure Egli lo contiene(2): “ciò che è creato possiede molteplicità [complessità] all’esterno, e partecipa dell’Unità solo all’interno. L’intero Essere s’è manifestato attraverso la molteplicità, perché essa è una parte che fluisce all’interno dell’Unità.(3)
Il Manifestato è all’interno dell’Unità. Il vibrare di ogni cosa, il costituirsi di queste vibrazioni in “oggetti” organizzati, essi pure parte della vibrazione, è l’espressione della “vita” dell’Unità Vivente(4), come la circolazione del sangue è l’espressione della pulsazione del cuore: il movimento che ne è la potenzialità espressa in azione.
La totalità non possiede esistenza assoluta, in verità“, o meglio la Totalità del Manifestato è esistente, ma non è (non Ente).
Dunque, tutto ciò che attiene al movimento all’interno della Totalità del Manifestato (l’interezza della creazione), compresa la propria conservazione in esistenza, anche attraverso la riproduzione, è intrinseco alle leggi di aggregazione interne, in base alla sola esistenza della forza d’attrazione reciproca (Amore).
Il figlio dell’uomo è prodotto interno della Totalità del Manifestato: la luce che c’è in lui è la porzione che gli compete della luce che costituisce questo Manifestato.

***********

La capacità di valutazione di questo movimento interno al manifestato, è quanto serve al figlio dell’uomo per orientarsi, ed è un più elevato livello di coscienza rispetto a quello identitario. Per molti basta.
Ma a qualcuno può manifestarsi la visione dell’Unità, dell’Essere eccedente… e questo destabilizza e disorienta.
La mente è confronto, per funzionare ha bisogno di almeno due elementi da confrontare. Quando non vi è che un solo elemento, la mente si smarrisce. Presa dal panico, allora divide quell’elemento attraverso l’analisi, riduce l’unità di quel “composto” a quelle che le appaiono allora come parti costituenti; e per ogni unità elementare che gli appare, fa la stessa cosa. Così la mente ha affrontato il mondo complesso riducendolo in molecole, poi in atomi, poi in particelle, poi in pura vibrazione… trovando che la vibrazione è il Tutto Vivente, è l’Unità sottostante, infinitamente più complessa nelle sue relazioni interne di quella che appariva all’inizio dell’osservazione, ma implacabilmente unitaria: Tutto è Uno, Tutto è vibrazione: una meravigliosa profondità pulsante.
Fin qui lo stupore sorridente, quello che produce la bellezza; poi quello angosciato, quando si rivela che anche “Io” non sono che vibrazione. Che cosa mi tiene insieme? Quale forza? Angoscia poi che questa forza possa cessare, e venga la disgregazione… morte? No, estinzione dell’Io, per perdita di confini, che, a veder bene con stupore angosciato, sono solo fittizi, convenzionali… e quindi in ogni momento abbattibili. L’invasione dei confini dell’Io è sempre possibile; in certi momenti si fa probabile; in altri gli eventi precipitano e l’irruzione si realizza. La voce dell’Io si diluisce allontanandosi nell’infinito Uno, come la voce di Eco, e come il suo Narciso, che nell’infinito si è sciolto.
Ciò che teneva insieme era amore; ciò che resta al suo ritiro è terrore; inutile e residuale come un riverbero, perché quando appare il terrore, la dissoluzione dell’Io è già avvenuta, e si ascolta la sua eco ripetere, sempre più tenuamente: Io, io, io… mentre si perde.
Si vedono ormai molti vagare ripetendo: io, io, io … senza che dentro di loro vi sia altro che terrore… cosa li tiene ancora insieme? Cosa tiene insieme la loro corporeità? Un residuo d’amore, quel che resta della dotazione iniziale che permette l’esistenza organica, e che – erroneamente – viene chiamata “vita”. Quel residuo si esaurirà pian piano, perché non ha più la fonte da cui trarre rinnovate energie, nuovo amore.
Eppure vi è stato un momento in cui quell’aggregato umano provvisorio che indagava il proprio mondo ha trovato il Tutt’Uno, e si è riconosciuto come vibrazione nella vibrazione, si è visto come figlio di quella vibrazione, ha intuito la propria particolare vibrazione… se avesse detto: Io!(5) in quel momento, avrebbe fissato la propria permanenza in quello stato… una sorta di collasso della funzione d’onda spirituale; avrebbe varcato il confine di sé, e avrebbe raggiunto il sé dell’Altrove, quello veramente (nella Verità) Vivente.
Non lo ha fatto, ha spento la sua luce, l’origine della propria vita che risiedeva Altrove per non averla riconosciuta e anzi per averne avuto paura:

“Dio è la luce dei cieli e della terra. La Sua luce è come quella di una nicchia in cui si trova una lampada, la lampada è in un cristallo, il cristallo è come un astro brillante; il suo combustibile viene da un albero benedetto, un olivo né orientale né occidentale, il cui olio sembra illuminare senza neppure essere toccato dal fuoco. Luce su luce. Dio guida verso la Sua luce chi vuole Lui e propone agli uomini metafore…”(6)

Che luce c’è nei figli degli uomini? Come rispondere… quella che si sono potuti permettere di sostenere… o quella che la loro interpretazione delle “metafore” ha loro consentito di comprendere… Quale, nei Figli di Dio? quella nella quale si sono dissolti senza disperdersi.


NOTE
(1) Shabestari, (1288/1320), Il Giardino dei Misteri
(2) Secondo questa visione, contiene tutti gli “esistenti”.
(3) Shabestari, op. cit.
(4) L’Unico e il Vivente sono due degli attributi (o Nomi) divini.
(5) O meglio “Kun! anā ‘l Haqq!”, se avesse avuto la lucidità sufficiente a una sacra improntitudine…
(6) Sono parole che spiegano poeticamente e realisticamente come stanno le cose in Verità; che siano in Corano XXIV, 35 non le relega a un contesto culturale… appartengono alla profondità di ogni cuore umano non terrorizzato. Per il figlio di Dio sono un’evidenza.

Un pensiero riguardo “Che luce?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...