La nuova età del Ferro

E’ stato resa noto solo poche ore fa l’esito della ricerca di una Università americana circa il diffondersi di una mutazione genetica, detta emocromatosi, consistente nell’accumulo – in chi ne è portatore – di una quantità anomala di ferro nel sangue.
Non si tratta di una malattia, tanto che il controllo di questo eccesso (ove risultasse tale da essere potenzialmente patogeno) è possibile solo attraverso il salasso.
Una decina d’anni fa era mutazione rara, riscontrabile però già nell’1% della popolazione; ora è del 10% nella popolazione femminile, e del 20% in quella maschile (la differenza si spiega anche con il fatto che le donne sono dotate di quel naturale salasso che è il flusso mestruale). E’ mutazione che si trasmette se entrambi i genitori ne sono portatori.

Poiché nulla è mai a caso, è utile interrogarsi sulle possibili ragioni di questo mutamento: il fatto è che il ferro è presente nell’organismo umano in forma di microcristalli a struttura cubica a corpo centrato 80px-cubic-body-centerede viene trasportato dai globuli rossi, per concentrarsi anche – e con particolare significato – nella corteccia prefrontale. cotex prefrontSebbene ciò fosse noto alla scienza sacra, in ambito scientifico la funzione del ferro nei neuroni risultava misteriosa; una ricerca dell’Università di Torino ha ora aperto delle nuove prospettive.
Colà si comporta come il quarzo negli orologi: è un regolatore e un modulatore di frequenze ricevute che contengono informazioni che l’intero organismo deve imparare a gestire, e che coinvolge quindi ogni livello di esso: organico, funzionale, psicologico, energetico…
Di fatto questa mutazione dunque corrisponde ad una aumentata necessità di cristalli cubici di ferro (il cui colore varia dal rosso al nero, a seconda che trasporti ossigeno o meno) per sopperire all’aumentata massa di informazioni vibrazionali che sopravvengono.
Poiché l’informazione è trasportata dai fotoni, come insegna la biofisica quantistica, il poeta o il visionario potrebbero esprimere quel che sta accadendo come una caduta di luce su una parte dell’umanità, con la conseguenza di trasformarne la natura, non più in senso conservativo (come fanno le leggi dette evolutive), ma trasformativo; si potrebbe, il poeta visionario, immaginare che stia già nascendo una nuova razza umana, più luminosa in futuro, ma più illuminata per l’intanto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...